Inps: indennizzo per cessazione definitiva dell’attività commerciale

 


Con circolare n. 4/2020, l’Inps fornisce indicazioni per l’esame delle domande di indennizzo, di cui alla legge 30 dicembre 2018, n. 145, per la cessazione definitiva dell’attività commerciale nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018.


L’articolo 11-ter del D.L. n. 101/2019 ha stabilito che al fine di sostenere le aziende che hanno cessato l’attività commerciale, fermo restando quanto previsto dall’articolo 1, commi 283 e 284, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, l’indennizzo di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 28 marzo 1996, n. 207, è riconosciuto, nella misura e secondo le modalità ivi previste, anche ai soggetti in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2 del medesimo decreto legislativo nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018.
Per effetto della disposizione in oggetto, a partire dal 3 novembre 2019, possono presentare domanda di indennizzo, per la cessazione dell’attività commerciale anche i soggetti che abbiano cessato definitivamente l’attività commerciale dal 1° gennaio 2017 purché, al momento della domanda, siano in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2 del D.lgs n. 207/1996. Stante la data di entrata in vigore della legge n. 128/2019, la decorrenza del trattamento non potrà comunque essere anteriore al 1° dicembre 2019.


Le domande di indennizzo, presentate ai sensi dell’articolo 1, commi 283 e 284, della legge n. 145/2018, e rigettate dal Comitato Amministratore della Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali con l’unica motivazione che il soggetto ha cessato definitivamente l’attività in data antecedente il 1° gennaio 2019, dovranno essere riesaminate d’ufficio dalle Strutture territoriali, dandone tempestiva comunicazione agli interessati.
Le domande di indennizzo ricadenti nella fattispecie in argomento e giacenti presso le Strutture territoriali devono essere definite sulla base dei criteri esposti nella presente circolare. Quelle pendenti presso la Direzione centrale Pensioni – Area Contenzioso dell’AGO – in attesa di essere esaminate dal Comitato Amministratore della Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali, dovranno essere nuovamente inviate alle Strutture territoriali di competenza per valutarne l’accoglimento. La decorrenza dell’indennizzo sarà collocata al 1° dicembre 2019, previa verifica della sussistenza dei requisiti ed il permanere delle condizioni richieste dalla legge per procedere ad un accoglimento dell’istanza.

 

Proroga del CCNL per le agenzie di stampa

 


 



Prorogato fino al 31/12/2020 il CCNL per i dipendenti di aziende editrici e stampatrici di giornali quotidiani e da agenzie di stampa


Firmato, il 14/1/2020, tra  FIEG e ASIG e SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOM-UIL, l’accordo di proroga fino al 31/12/2020 del CCNL per i dipendenti di aziende editrici e stampatrici di giornali quotidiani e da agenzie di stampa.


La scadenza del CCNL per i dipendenti di aziende editrici e stampatrici di giornali quotidiani ed agenzie di stampa, prevista per il 31/12/2019, si intende fino alla data del 31/12/2020.
Le parti convengono, inoltre, di prorogare fino alla data del 31/12/2020 l’erogazione dell’indennità integrativa temporanea















































Livelli

Parametri

Importi in Euro

10 300 32,89
9 272 29,82
8 248 27,19
7 228 25,00
6 208 22,81
5 185 20,29
4 164 17,98
3 145 15,90
2 128 14,04
1 100 10,96
238 26,10


Tale indennità, limitatamente al periodo di erogazione, costituisce base di calcolo per la tredicesima mensilità e per le maggiorazioni orarie legate ai turni di lavoro, ai lavoro festivo e alle flessibilità contrattuali (flessibilità programmata e banca ore), mentre non costituisce base di calcolo per le maggiorazioni relative al lavoro straordinario. La stessa indennità non produrrà effetti su eventuali trattamenti economici aziendali integrativi rispetto a quelli previsti dal presente CCNL.
Alla luce dell’evoluzione del processo di allineamento dei contratti collettivi di filiera che si registrerà nell’arco di vigenza del contratto, e in esito alle verifiche delle Parti istitutive del Fondo di previdenza complementare di settore “Fiorenzo Casella”, le Parti convengono che la suddetta indennità integrativa temporanea potrà divenire parte integrante dei minimi contrattuali a far data dall’1/1/2021, sulla base di un accordo fra le stesse Parti.

 

Accordo Rai per il personale in trasferta in occasione del Festival

 

Firmato, il 13/1/2020, tra la Rai e le Segreterie territoriali di Roma e Lazio di SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, FNC UGL, SNATER, LIBERSIND CONFSAL e SNAP, integrate dalle Segreterie Nazionali, in merito al trattamento economico per le risorse impegnate in trasferta in occasione del Festival di Sanremo 2020

Con la firma dell’accordo in esame, la Rai, in occasione del Festival di Sanremo, comunica la propria disponibilità a mantenere, per il 2020, un compenso giornaliero aggiuntivo rispetto ai trattamenti contrattualmente previsti.


Il compenso giornaliero, che viene individuato in euro 25,00 lordi, verrà corrisposto ai lavoratori impegnati per l’evento, per almeno 5 giorni di trasferta, computando anche i giorni di riposo.


L’Azienda precisa che intende procedere all’erogazione del compenso in questione, da intendersi riferita alle specificità della presente edizione del Festival, a seguito delle necessarie verifiche, prevedibilmente con le competenze del mese di aprile 2020.


In via eccezionale, sarà inoltre riconosciuto, al termine della produzione, un riposo compensativo per i lavoratori che abbiano fruito di almeno tre riposi consecutivi in trasferta, che dovrà essere utilizzato entro la fine del 2020 (codice “SR”).

Le Parti convengono che ai soli lavoratori a cui sia richiesto un ulteriore maggior impegno in termini di giornate lavorative nell’ultima settimana di prove e nella settimana di trasmissione dell’evento, certificato dalle linee gerarchiche, verrà riconosciuto un giorno di riposo compensativo (codice “PC”) da fruire comunque, entro la fine del 2020.


Le Parti concordano che al personale impegnato nella manifestazione che opti, per l’intero periodo, per il regime a forfait verrà applicato un trattamento a forfait di euro 85,00 giornalieri lordi omnicomprensivi di pasti, piccole spese e indennità di trasferta, per ciascuna giornata di trasferta effettuata nel periodo interessato dall’evento, in sostituzione del normale trattamento di trasferta.


I lavoratori che optino invece, per l’intero periodo, per il regime a piè di lista, ai fini del rimborso saranno tenuti ad effettuare il pagamento elettronico per le spese di qualsiasi importo relative a pasti, taxi, e carburante.


L’Azienda ricorda, al riguardo, che è possibile richiedere l’attivazione di Carte di Credito e Carte ricaricabili intestate al dipendente, caratterizzate da assenza di costi nell’uso normale e con previsione di rimborso per le spese vive documentate (alle condizioni illustrate nel dettaglio nella sezione “Servizi e Convenzioni” di Rai Place).


La scelta del regime a forfait o a piè di lista, valida per l’intero periodo di trasferta, sarà dichiarata dal personale interessato alla presentazione del rendiconto della trasferta presso i competenti Uffici del Personale.


La disciplina definita nel presente accordo è applicabile dal giorno successivo alla data di sottoscrizione dello stesso. Alle risorse presenti a Sanremo nelle giornate di preparazioni precedenti alla predetta data, la disciplina verrà applicata retroattivamente in caso di opzione per il regime a forfait, mentre in caso di opzione per il regime a piè di lista troverà applicazione l’ordinaria disciplina in materia di trasferte, per il solo periodo antecedente alla sottoscrizione del presente accordo.


Le Parti convengono di svolgere un incontro di verifica, da tenersi in sede locale nel mese di aprile 2020, sui dati di impegno del personale coinvolto nell’evento.


Inoltre, le Parti definiscono di incontrarsi a livello nazionale, entro il prossimo mese di marzo, per valutare i risultati della “Commissione Paritetica” sulla materia delle trasferte e per confrontarsi sulla possibilità di definire uno specifico trattamento economico per gli eventi di maggiore rilevanza e complessità, anche valutando le opzioni di “welfare” consentite dalla vigente normativa.

 

Poste Italiane: politiche attive 2020

 



Siglato il 14/1/2020, tra POSTE ITALIANE S.p.A. e la SLC-CGIL, la SLP-CISL, la UILposte, la FAILP-CISAL, la CONFSAL Comunicazioni, la FNC UGL Comunicazioni, l’accordo sulle politiche attive 2020.


Le Parti hanno pertanto convenuto sull’attivazione di alcune leve gestionali che, secondo un’articolazione correlata alle diverse realtà territoriali, consenta un tempestivo potenziamento del livello di presidio della clientela con conseguente miglioramento degli standard qualitativi.
In relazione a quanto sopra, l’Azienda si è pertanto resa disponibile a realizzare alcune azioni straordinarie di politiche attive, le cui numeriche sono riportate nella seguente tabella sulla Manovra Mercato Privati e che verranno avviate a partire già dal mese di gennaio con la necessità, vista l’estrema urgenza, di completare la manovra complessiva entro il mese di marzo 2020. L’Azienda favorirà i processi di sportellizzazione attraverso il ricorso al personale con contratto a tempo determinato in ambito Recapito, laddove necessario.













Sportellizzazioni

Assunzioni OSP part time

Clausole elastiche

Totale

325 300 300 925
  Pari 150 FTE Pari a 150 FTE Pari a 625 FTE


Con riferimento alle sportellizzazioni, al fine di valorizzare le professionalità presenti in Azienda, uniformando altresì le relative procedure di selezione, le Parti convengono sull’opportunità di attivare, a entro il mese di gennaio 2020, una nuova iniziativa di job posting su tutto il territorio nazionale.
Le risorse che si candideranno al job posting saranno ammesse ad una fase selettiva basata su test attitudinali, i cui esiti saranno comunicati tempestivamente agli interessati. Coloro che risulteranno idonei, laddove emergesse un fabbisogno nell’ambito della provincia di assegnazione, verranno sottoposti ad un colloquio – a cura delle competenti funzioni di macro area – al fine di valutarne la complessiva idoneità alla sportelleria; in tale fase le risorse verranno colloquiate secondo un critèrio di maggiore anzianità aziendale e, in subordine, di maggiore età anagrafica.
Le risorse idonee a precedenti job posting emanati dopo il 1/1/2018 saranno prese in considerazione inserendole negli elenchi riferiti al suindicato job posting di prossima emanazione, seguendo sempre il criterio dell’anzianità aziendale e, in subordine, di maggiore età anagrafica.
Al termine della fase selettiva, le risorse che dovessero rifiutare la proposta di sportellizzazione saranno collocate in fondo all’elenco delle risorse idonee.
A tale job posting, comunque, potranno aderire anche i dipendenti assegnati presso la struttura di COO con livello inquadramentale fino al C.
Gli elenchi in questione avranno validità fino al 31/12/2021.
Relativamente all’interpellanza rivolta a tutti i portalettere full time e part time che sarà attivata dall’Azienda entro il 15/2/2020 per il trasferimento verso le regioni del Sud Italia, ferma restando la possibilità di partecipare per tutto il personale addetto al recapito ovunque assegnato, le Parti convengono che nell’ambito della graduatoria provinciale saranno utilizzati i seguenti criteri di priorità:
1. presenza nell’ambito della graduatoria di mobilità provinciale riferita alla specifica provincia;
2. presenza nell’ambito della mobilità regionale nella graduatoria della provincia per la quale si sia manifestato l’interesse in adesione all’interpellanza e relativa posizione nella graduatoria medesima;
3. presenza nell’ambito della mobilità nazionale nella graduatoria della provincia per la quale si sia manifestato l’interesse in adesione all’interpellanza e relativa posizione nella graduatoria medesima;
4. anzianità aziendale e in subordine anzianità anagrafica.
Le Parti infine convengono di realizzare anche azioni straordinarie ulteriori mirate alla funzione COO. In particolare, l’Azienda, su richiesta delle OO.SS., effettuerà trasformazioni da part time in full time, tenuto conto delle esigenze organizzative dei singoli siti. Tali azioni saranno realizzate entro marzo 2020.

 

Le retribuzioni aggiornate del CCNL Coibenti

 



Ripubblicate le tabelle retributive a seguito del rinnovo del Settore Coibentazioni


Ripubblichiamo le tabelle retributive elaborate a seguito del rinnovo del CCNL Settore Coibentazioni Termiche Acustiche, correggendo un refuso nel calcolo dell’aumento del livello D






































Livello

Minimo all’1/1/2020

Minimo all’1/1/2021

Minimo all’1/1/2022

A 2.253,98 2.282,18 2.310,38
C 1.977,81 2.002,01 2.026,21
D 1.848,32 1.870,72 1.893,12
E 1.675,14 1.695,14 1.715,14
F 1.588,51 1.607,31 1.626,11
G 1.523,20 1.541,00 1.558,80
1 1.407,76 1.423,96 1.440,16